Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Trieste, 6 maggio  2014. “Il particolare momento che sta attraversando il nostro Paese ha fatto sì che anche il mondo dello sport venga messo sotto attacco”. Questo il segnale d’allarme con il quale Giorgio Brandolin, il presidente del Coni FVG, ha aperto la riunione del Consiglio regionale ospitata nella sede del Golf Club a Fagagna, cui ha partecipato anche l’assessore regionale allo sport Gianni Torrenti. “Abbiamo salvato la franchigia dei 7.500 euro, ma rimane chiaro dove si voleva recuperare un po’ di soldi – ha detto ancora Brandolin – Gravissimi anche gli episodi di sabato scorso (gli incidenti nella finale di Coppa Italia, ndr) e fischiare l’inno è stato un atto sconcertante, già accaduto peraltro due anni fa nel medesimo contesto. Questo problema dev’essere affrontato radicalmente, non soltanto di fronte all’emergenza, ma in modo strutturale”. Chiaro e dettagliato l’intervento sui contributi alle manifestazioni tenuto dall’assessore Gianni Torrenti, che ha ricordato anche i quindici anni di militanza da dirigente sportivo prima dei venti al settore della cultura. “La logica – ha detto – è stata quella di aiutare le manifestazioni sportive senza modificare i criteri di valutazione, facendole confluire però in un comparto unico (non ci saranno altre attribuzioni, ndr) con un range che va da 45mila a 4.500 euro, oltre il sostegno straordinario per Giro d’Italia, Mondiali di pallavolo ed internazionali di sci”. Da parte di Fernando Agrusti, presidente della federazione regionale medico sportiva, i chiarimenti sulla visita medica non agonistica (non è più necessaria la richiesta della società sportiva), l’utilizzo dei defribillatori e la regolamentazione per autorizzare i formatori ed istituire i corsi in attesa del via libera da parte della Regione. La Giornata Nazionale dello Sport (8 giugno), i festeggiamenti per il centenario del Comitato Olimpico (9-10 giugno), il Codice Etico promosso da Friuladria, l’iniziativa avviata a Pordenone “Sport in carcere” e l’applauso ai recenti importanti risultati ottenuti dagli atleti e dalle squadre FVG oltre al successo delle più recenti grandi manifestazioni e numerosi interventi dei componenti il consiglio hanno completato la riunione del Coni regionale.

 

Enzo de Denaro

Banner 2