Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

 

Trieste. Primo grande appuntamento internazionale di atletica leggera in Friuli Venezia Giulia post covid-19. Sabato 1 agosto lo stadio Giuseppe Grezar di Trieste ha ospitato la 13a edizione del Triveneto Meeting internazionale, organizzato dalla Polisportiva Triveneto, in collaborazione con il CONI del Friuli Venezia Giulia.

 

Oltre 150 atleti, tra cui campioni olimpici, mondiali, europei e nazionali, hanno gareggiato in 12 discipline. Il poliziotto bresciano Marcell Jacobs corre i 100 metri in 10.10, bissando il successo dell'altr'anno e facendo registrare la miglior prestazione italiana davanti ad un pubblico numeroso ma distanziato sugli spalti (prima volta che succede in Italia, nell'era coronavirus). Sfiorato il “best europeo” ottenuto praticamente in contemporanea a Weinheim in Germania dallo sprinter teutonico Denis Almaz (10.08).

 

Nei 100 ostacoli femminili, primato stagionale per Luminosa Bogliolo (Fiamme Oro) con 12.91 ed ottima gara per la triestina ed azzurra Elisa Di Lazzaro (Carabinieri) che, con il crono di 13.06, sigla la migliore prestazione italiana under 23. Nella gara maschile vince il fuoriclasse britannico Andrew Pozzi con 13.36, a sei centesimi dalla migliore prestazione mondiale dell’anno.

 

Nel peso il numero uno italiano Leonardo Fabbri chiude con 20,68 mentre nei 400 metri maschili, privi del primatista del mondo Wayde Van Niekerk, risultato positivo al tampone per il coronavirus, vince il millenial Edoardo Scotti con 45.85. Già campione europeo under 20, il carabiniere non riesce a migliorare il primato personale per un centesimo. Super gara quella degli 800 metri femminile con le migliori d'europa presenti al Grezar. Taglia per prima il traguardo la scozzese Jemma Reekie (1:59.52) che precede l'altra britannica Laura Muir (1:59.54) e la norvegese Hedda Hynne (1:59.94).

 

Nel salto con l'asta vittoria per il campione olimpico RIO 2016, il brasiliano Thiago Braz (5:50). Terzo il triestino Max Mandusic (5:35). Nella gara del lungo vince l'italiano del GA Fiamme Gialle Filippo Randazzo (7:95), nel triplo lo spagnolo Pablo Torrijos (16:86). Terzo un altro triestino Simone Biasutti (16:40). Nel salto in alto femminile, la carabiniera Elena Vallortigara e la friulana della Fiamme Oro Padova, Desiree Rossit, superano l'asticella del metro ed ottantacinque mentre la pordenonese Alessia Trost si ferma ad 1:77.

 

Il presidente regionale del CONI, Giorgio Brandolin ha voluto complimentarsi con la Polisportiva Triveneto per l’organizzazione e con gli atleti regionali che hanno ben figurato nelle impegnative gare, soffermandosi sull’ottima prova della Di Lazzaro nei 100 ostacoli.

 

Foto: il presidente Brandolin premia l’azzurro Marcel Jacobs vincitore della gara dei 100 metri

podio 100m Brandolin

Banner 2