Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

A vent’anni dall’istituzione ufficiale da parte del Coni, avvenuta il 5 ottobre 1993, la Scuola Regionale dello Sport è diventata un punto di riferimento per l’intero movimento sportivo regionale e non solo. Ed è fittissima infatti, l’agenda per le prossime settimane della Scuola Regionale dello Sport diretta da Francesco Cipolla (vicepresidente vicario del  Coni Fvg)  che si appresta ad avviare due programmi di intervento in collaborazione con il Comune di Trieste. Nell’ambito del Progetto Interistituzionale “Buone pratiche contro la pedofilia”, la Scuola Regionale dello Sport e l’assessorato politiche sociali, propone un “pacchetto” informativo/formativo rivolto agli allenatori e agli istruttori sportivi dal titolo“Fuorigioco:  lo sport contro  la violenza”. In collaborazione con i ricreatori invece, Scuola dello Sport e Comune di Trieste, Area educazione università ricerca, organizzano una manifestazione promozionale sportiva con le DSA, mentre è in fase di sottoscrizione un accordo triennale che prevede l'inserimento di alcune discipline sportive all'interno delle strutture comunali, effettuate da esperti CONI e Federazioni, oltre a corsi di aggiornamento annuali rivolti agli operatori dei ricreatori che interagiscono nell'ambito dei ricreatori stessi.