Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

 

Partirà il 30 settembre per concludersi l’11 giugno 2014. Si tratta del Progetto "Movimento in 3S Promozione della Salute nelle Scuole attraverso lo Sport" per l'anno scolastico 2013/2014 e domenica scorsa (8 settembre) nell'aula Magna dell'Istituto Comprensivo di Tavagnacco si è tenuto il primo dei quattro incontri programmati per formare i 180 Esperti in Scienze Motorie che hanno aderito al bando di selezione. Al progetto, voluto dalla Regione Friuli Venezia Giulia (Assessorato allo Sport, all'Istruzione, alla Salute) e realizzato grazie all'importante collaborazione del CONI FVG, dell'Ufficio Scolastico Regionale, della Presidenza del Consiglio e del Ministero della Salute, hanno aderito le Scuole Primarie di 103 Istituti Comprensivi della regione, 1010 classi, per un coinvolgimento di 25.000 bambini (6-10 anni) e si avvarrà di 101 Esperti laureati in Scienze Motorie. L’obiettivo che ci si pone è l’introduzione di un'attività motoria finalizzata all'acquisizione del movimento come abitudine di vita ed ogni classe che parteciperà al progetto avrà modo di svolgere nell'arco dell'anno scolastico 30 ore di attività motoria per un totale di 30.300 ore. L'efficacia dell'esperienza in termini di salute dei bambini sarà misurata attraverso l'utilizzo di indicatori di valutazione fisici e motori che verranno raccolti, garantendo ad ogni bambino la totale privacy in quanto saranno associati ad un numero e non ad un nome, registrati ed elaborati dall'IRCCS Materno Infantile Burlo Garofalo di Trieste e dal corso di Laurea in Scienze Motorie dell'Università degli Studi di Udine per essere trasmessi poi al Ministero della Salute. In considerazione del fatto che i dati misurati ed elaborati saranno complessivamente 1.500.000, il progetto Movimento in 3 S rappresenta la prima esperienza a livello nazionale per numero di scuole e bambini coinvolti e per numero di indici fiisici e motori raccolti che, una volta interpretati, indicheranno in modo esaustivo e completo lo stato di salute dei bambini della regione e dei miglioramenti che l'attività motoria può apportare nelle vita degli stessi se somministrata in modo costante nel tempo da personale adeguatamente preparato. Il progetto vedrà inoltre il coinvolgimento diretto di 6 studenti della laurea specialistica in Scienze Motorie di UNIUD che, coordinati dal Prof. Claudio Bardini, avranno il compito di raccogliere i dati relativi agli indicatori di valutazione e collaborare nella loro elaborazione costituendo l'oggetto per la loro tesi di laurea. Nel mese di ottobre, grazie alla collaborazione attiva del Comitato Tecnico Scientifico con l'Assessorato della Salute della Regione FVG e con le sei Aziende Sanitarie delle provincie di Udine, Pordenone, Gorizia e Trieste, saranno organizzati incontri formativi rivolti ai docenti delle scuole coinvolte in modo tale che i concetti relativi alla nutrizione ed al movimento possano diventare argomenti interdisciplinari presenti in tutte le materie. Agli insegnanti inoltre, verrà insegnata la metodologia del Time Out, un insieme di esercizi fisici posturali e di rilassamento da fare eseguire ai bambini durante il cambio dell'ora di lezione e finalizzato a correggere vizi di posizione stando seduto diverse ore al giorno ed aumentare l'eustress (stress positivo). Un progetto che si avvia con successo al secondo anno di realizzazione e che vuole vedere in un futuro imminente il coinvolgimento di tutte le scuole di ogni ordine e grado, e che si è posto la finalità principale di promuovere sani stili di vita come mezzo di contrasto alla sedentarietà, al sovrappeso ed all'obesità, soprattutto in età pediatrica, affermando una concezione dell'attività motoria e sportiva che diventi momento di benessere fisico e psicologico in grado di coinvolgere tutti i bambini senza discriminazione di alcun genere. “Sport di cittadinanza” come momento di aggregazione sociale, attività educativa e formativa dell'individuo per l'apprendimento del rispetto di regole sane, dei principi dell'eguaglianza e delle diversità.

 

20130908 04 M3S Tavagnacco CORSO ESPEERTI IMG 8623-Ritagliata