Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ventiseimila studenti di milletrecento classi con centoventitre esperti, sono questi i numeri del progetto regionale Movimento in 3 S che si è affiancato a quello dell’Alfabetizzazione Motoria. Dati che sono stati presentati a Udine il 31 maggio, a Trieste il 3 giugno, a Pordenone il 5 giugno per concludersi giovedì 6 giugno a Gorizia in occasione degli incontri organizzati dall’Ufficio Scolastico Regionale in collaborazione con il Coni cui hanno preso parte Dirigenti Scolastici e Coordinatori di educazione fisica delle scuole primarie degli Istituti Comprensivi delle quattro province. Rita Malavolta, coordinatrice del progetto, assieme ad Ernesto Mari per il MIUR, Claudio Bardini per l’Università di Udine ed Ernesto Zanetti per il Coni hanno riferito l’intenzione di incrementare di trenta unità gli esperti (formati dalla Scuola Regionale dello Sport diretta da Franceso Cipolla) per l’anno scolastico 2014-2015, affidando a ciascuno 10 classi con un’ora la settimana, per un totale di 300 ore da settembre 2013 a maggio 2014. La seconda ora settimanale di attività motoria sarà assicurata dall’insegnante titolare che collabora con l’esperto. Per i dirigenti scolastici c’è tempo fino alla metà di luglio per aderire al progetto, ma non è tutto perché sono in fase di programmazione anche corsi di formazione/informazione per insegnanti e genitori sull'importanza dell’adozione di sani stili di vita fin dalla più giovane età per combattere efficacemente tutte le patologie legate alla sedentarietà ed alla cattiva alimentazione.

  Presentazione M3S-06.06.13