Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

 

Martedì 24 aprile 2018, ai Giardini della Spianata di Gradisca d'Isonzo, si é tenuta la cerimonia di apertura del Torneo delle Nazioni “Under15”, ovvero il mundialito di Gradisca che coinvolge 3 Paesi, Italia, Austria e Slovenia e che ormai é considerato uno degli eventi calcistici giovanili tra i più importanti al mondo.

 

Una cinquantina di Comuni del Friuli Venezia Giulia, della Carinzia e della Slovenia ospiteranno fino al 1 maggio le varie partite inserite nei gironi di qualificazione, fino alle finali che si terranno, come tradizione, allo stadio Colautti di Gradisca d'Isonzo il 29 aprile (quella femminile) ed il 1 maggio (maschile).

 

Oltre al torneo maschile Under15, che ha raggiunto la sua quindicesima edizione, si svolgeranno pure, la terza edizione del torneo femminile Under17 e, la novità di quest'anno, la prima del torneo di calcetto maschile Under18.

 

L'evento inaugurale ha visto la partecipazione dei 1000 atleti di 28 nazionali, provenienti da 18 Paesi del mondo che hanno sfilato lungo le vie della cittadina isontina, preceduti dalle associazioni sportive locali.

 

A portare i saluti del CONI regionale (che ha patrocinato l'evento) é stato il vicepresidente Ermes Canciani, il quale ha ringraziato il presidente del Comitato organizzatore Nicola Tommasini per aver accettato con entusiasmo e spirito collaborativo la proposta di inserire questa prestigiosa manifestazione sportiva all’interno del programma dei FRIENDSHIP GAMES 1918-2018. A tal proposito, il 28 aprile tutte le delegazioni e squadre partecipanti al Torneo delle Nazioni faranno visita al sacrario militare di Redipuglia. Sarà un occasione in più, ha sottolineato Canciani, per promuovere quei valori di pace, fratellanza e rispetto che lo sport deve trasmettereI ragazzi devono affrontarsi su un campo di gioco, tra agonismo e lealtà e non su quelli di guerra.

 

Ulteriori notizie ed informazioni sono disponibili sul sito internet www.torneodellenazioni.com

 

Nella foto di Pierluigi Bumbaca, Ermes Canciani con Matteo Mareggini, allenatore dei portieri delle nazionali italiane Under19 ed Under16

FG Canciani