Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

“Il CONI, oltre ad essere una fucina di campioni, sente una grande responsabilità sociale”. E’ con queste parole che il Presidente del CONI regionale, ing. Giorgio Brandolin, ha voluto concludere la conferenza stampa di presentazione del progetto “CONI RAGAZZI”, un progetto sociale, sportivo ed educativo, di rilievo nazionale, frutto della collaborazione fra la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero della Salute e il CONI, affinchè lo sport diventi un diritto di tutti ed esprima concretamente il suo contributo allo sviluppo giovanile.

Un progetto sposato integralmente dall’Amministrazione comunale di Trieste ed, in particolar modo, dagli Assessori alle Politiche Sociali e allo Sport, Famulari e Kraus e presentato stamane alla stampa nella sala Giunta del Comune di Trieste.

Rivolto ai bambini dai 5 ai 13 anni, il progetto si pone come obiettivo quello di tutelare le fasce più deboli della popolazione, permettendo alle famiglie, con ridotte possibilità economiche, di iscrivere i propri figli a dei corsi sportivi. I ragazzi avranno quindi la possibilità di praticare attività sportiva per 2 ore alla settimana in modo del tutto gratuito.

E sono 16 le Società sportive triestine che hanno aderito all’iniziativa, per un totale di 347 posti a disposizione dislocati in 21 impianti della città.

Nel corso della conferenza stampa, l’Assessore Famulari ha voluto personalmente ringraziare le Società cittadine per l’impegno preso comunicando, nel contempo, che il Comune ha deciso un ulteriore stanziamento di 30mila euro per ampliare il progetto anche a ragazzi, sempre minorenni, che non rientrano nelle fasce d’età individuate nel progetto CONI Ragazzi.

L’Assessore Kraus ha voluto invece sottolineare come molte Società triestine già da tempo operano in favore delle fasce più deboli della popolazione in totale silenzio, senza pubblicità per permettere, anche ai bambini meno fortunati, di svolgere della sana attività sportiva. Relativamente al progetto, l’Assessore Kraus ha voluto ringraziare il CONI per la disponibilità e l'attenzione dimostrate al territorio triestino.

Il Presidente Brandolin, ringraziando l’Amministrazione comunale per l’ospitalità e la collaborazione, ha voluto evidenziare che lo sport non significa solo Olimpiadi, ma deve soprattutto avere una valenza sociale. Per il progetto CONI Ragazzi sono stati reperiti 4 milioni di euro ed i 600 comuni interessati dal progetto stesso sono stati individuati dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani. In Friuli Venezia Giulia sono stati segnalati Trieste e San Giovanni al Natisone - che ha poi rinunciato – facendo convogliare i la totalità dei fondi messi a disposizione nel capoluogo.

Il Presidente del CONI ha inoltre voluto ringraziare i dirigenti sportivi e le Società triestine che hanno aderito al progetto e che si sono messe a disposizione della comunità, sottolineando che le stesse sono ormai vere e proprie “agenzie formative”. Accanto al progetto CONI RAGAZZI, il Presidente ha poi annunciato che verrà avviata un’importante campagna informativa e di sensibilizzazione sui sani e corretti stili di vita, incentivando la lotta alle cattive abitudini alimentari e all’obesità in vista della prossima Giornata Nazionale dello Sport.

 

REQUISITI PER PARTECIPARE AL PROGETTO


• bambini dai 5 ai 13 anni (anno di nascita compreso tra il 2002 e il 2010);
• domicilio o residenza nelle aree identificate per il progetto. La collaborazione tra il CONI ed il Centro Studi dell’Anci ha permesso l’identificazione della lista dei Comuni e delle aree da coinvolgere, sulla base di quattro parametri oggettivi: dispersione scolastica nella scuola secondaria di I° e II° grado (fonte MIUR), reddito IRPEF/persone fisiche (fonte MEF), tasso di disoccupazione (fonte Istat), elenco delle “Aree Interne”, periferiche e ultraperiferiche (fonte MEF);
• dichiarazione ISEE attestante il reddito familiare o dichiarazione sostitutiva rilasciata dall’amministrazione locale competente.
Non è richiesto, come requisito d’accesso, il possesso della cittadinanza italiana.
L’identificazione dei beneficiari dell’iniziativa avverrà sulla base dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (modello I.S.E.E.) privilegiando le fasce più basse ed i nuclei familiari con un numero maggiore di componenti.
Nella graduatoria saranno tenute in considerazione le segnalazioni ricevute da parte dei servizi sociali del Comune di appartenenza, con attribuzione del punteggio massimo.

 

ISCRIZIONI


I genitori, o i titolari della potestà genitoriale, possono iscrivere i propri ragazzi online, accedendo al sito dedicato www.coniragazzi.it, oppure presentando il modulo cartaceo debitamente compilato e firmato, alla società sportiva selezionata o presso la sede del CONI .

Le iscrizioni sono già partite e saranno aperte fino al 25 novembre 2015. Eventuali proroghe saranno successivamente comunicate.

Per completare l’iscrizione, prima dell’avvio del corso sportivo, sarà necessario presentare alla società sportiva la documentazione completa (modulo di iscrizione, certificato medico, dichiarazione ISEE, fototessere, ecc.).

 

Società aderenti al progetto

20151116 110856 resized