Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

“Lo sport come inclusione sociale delle persone con disabilità”, questo è il tema che verrà dibattuto venerdì 16 ottobre alle ore 20.30 nella sala consigliare del Municipio di Aiello del Friuli. La serata è organizzata dall’Amministrazione Comunale, assessorato allo Sport e patrocinata da Coni e Cip del Friuli Venezia Giulia. Il concetto è percorrere le strade dell’inclusione sociale, ovvero porre la questione della disabilità nella dimensione sociale del diritto di cittadinanza, in quanto riguarda tutti coloro che partecipano alla vita sociale. Includere significa offrire opportunità di essere cittadini a tutti gli effetti, ma questo non significa negare le diversità o l’esistenza di disabilità e menomazioni, che devono essere trattate in maniera adeguata, bensì spostare il focus dalla persona al contesto, in modo di individuarne gli ostacoli e poterli rimuovere. “Inclusione sociale-sport”, un dibattito concentrato sulle esperienze proposte da Caterina Plet, nota pluri campionessa italiana e bronzo ai mondiali di sci al Sestiere, Eros Scuz, vice presidente di “Basket e non solo”, sette volte campione italiano a squadre di “Handbike”, Andrea Tarlao, campione mondiale di cronometro individuale, Paolo Pizzon, ex giocatore di basket in carrozzina e già sindaco di San Canzian d'Isonzo, Giovanni de Piero vice presidente Cip Fvg (Comitato Italiano Paraolimpico) e Daniela Campigotto, che sarà presente assieme ad una delegazione della squadra di hockey “Friul Falcons”. Tutto sarà coordinato da Marinella Ambrosio, presidente regionale CIP Friuli Venezia Giulia. Seguirà un dibattito di approfondimento.